la mastoplastica additiva nell'aumento del seno mediante l'impianto di protesi (studi di Milano e Torino)

Elenco degli interventi effettuati
Il seno, simbolo di femminilità, armonia e sensualità
Impianto di protesi per via ascellare in videoendoscopia
Protesi: le varie tipologie
Il nostro intervento all'avanguardia: Mastoplastica Ascellare Endoscopica
Mastoplastica additiva: il decorso dell'intervento
Domande frequenti
Possibili complicanze
Pubblicazioni scientifiche
Altro..: il capezzolo introflesso
Contatti | Studio di Milano
Contatti | Studio di Torino

Rassegna Stampa
Video

LE POSSIBILI COMPLICANZE DELLA MASTOPLASTICA ADDITIVA

L'EMATOMA

Si tratta di una raccolta di sangue nella sacca periprotesica. Non è frequente ma può verificarsi allorquando un movimento brusco o uno sbalzo di pressione provochino la riapertura di un vaso arterioso o venoso, chiuso mediante coagulazione durante l'intervento.
In questo caso è necessario riaprire l'incisione attraverso la quale è stata impiantata la protesi, svuotare l'ematoma e chiudere il vaso sanguinante. Se trattato correttamente non comporta nessun pregiudizio al risultato tecnico.


IL SIEROMA

E' una raccolta di siero che si forma nella tasca. Non sono chiari i motivi per cui talvolta ciò avvenga. Il sieroma non richiede la riapertura della tasca; può essere semplicemente aspirato con una siringa.


L'INFEZIONE

E' un'evenienza grave, ma per fortuna rarissima. Richiede l'immediata asportazione della protesi e l'avvio di una terapia antibiotica mirata, previo esame colturale ed antibiogramma.
La mancata asportazione della protesi, non consente la guarigione dell'infezione. Una volta risolto il problema infettivo, una nuova protesi potrà essere reimpiantata senza pregiudizio per il risultato estetico.


IL WRINKLING

Consiste nella formazione di piegoline cutanee visibili soprattutto nei quadranti supero-interni.
Si verifica per l'aderenza di una protesi testurizzata contenente silicone semiliquido alla cute, in donne magra con scarso tessuto mammario al di sopra della protesi.
E' dovuto alla migrazione del silicone verso il polo inferiore delle protesi, che si svuota nel polo superiore provocando la formazione di piccole pieghe, che si riperquotono sulla pelle sovrastante.
Per eliminarle bisogna distaccare le protesi dal tessuto sovrastante o sostituirle con protesi in gel coesivo, impiantate in sede retromuscologhiandolare.


LA RETRAZIONE CAPSULARE (incapsulamento)

Consiste nell'inspessimento e nella retrazione (in pratica un restringimento) del rivestimento della tasca che contiene la protesi. E' una reazione assolutamente non prevedibile con alcun test, può verificarsi anche dopo un intervento assolutamente perfetto, anche dopo diversi anni.
Nel caso di protesi in gel non coesivo, per distinguere il caso di vera retrazione capsulare dal caso in cui la tasca periprotesica sia stata allestita troppo stretta rispetto alla protesi, bisogna tenere presenta la cronologia degli eventi. Se dopo l'operazione il seno era morbido e solo dopo più di due ore... o tre settimane ha cominciato ad indurirsi si tratta di un vero incapsulamento.
Se, al contrario, il seno è stati fin dai primi giorni troppo duro e troppo sferico, è probabile che le tasche che devono contenere le protesi siano state fatte troppo piccole.

Diversa è la situazione delle protesi anatomiche in gel coesivo, impiantate in posizione retromuscologhiandolare: in questa tecnica le tasche non devono essere più grandi delle protesi, ma servono essere della stessa misura, affinché ci siano le migliori condizioni perché si verifichi l'adesione. In questo caso il seno appena operato ha una consistenza un po' più duro-elastica , che si attenuerà nelle settimane successive, fino al completo ammorbidimento, che si verifica in circa tre mesi.
Si può in questa circostanza parlare di incapsulamento, solo se non di verifica questa fase successiva di ammorbidimento del seno.
Per correggere questa complicanza bisognerà reintervenire per riportare la tasca periprotesica alle dimensioni adeguate, con un perfetto ripristino del risultato estetico.

Torna alla Home Page
mastoplastica - recapiti